Francesco Ambrosino


‎Blogger, Copywriter, SMM

  Breve introduzione al relatore


31 anni, Laureato in Scienze della Comunicazione, si occupa di Formazione Professionale, Social Media, Copywriting e Blogging.

Francesco Ambrosino, 31 anni, Laureato in Scienze della Comunicazione, si occupa di Formazione Professionale, Social Media, Copywriting e Blogging.

Dice di se stesso

“Non parlo di cose che non conosco, quindi parlo poco. Se posso, scrivo. Ho una moglie, due figli che amo da morire, un tetto sulla testa e un posto nel mondo. Sono burbero, sbuffo spesso e ho già le rughe. Amo il cinema, le serie tv americane, la musica, i libri. Mi nutro di pizza, pop corn ed emozioni forti. Mi commuovo spesso, e non me ne vergogno affatto. Le cuffie dell’iPod sono il mio scudo contro le chiacchiere inutili. Credo fortemente nel potere del Content Marketing, nella misura in cui ci si impegna a produrre contenuti utili per il lettore”.

www.socialmediacoso.it


  Intervista a Francesco Ambrosino

‎Blogger, Copywriter, SMM


 Chi Sei ?

Bella domanda. Sono un padre e un marito che prova a riempire il frigo e la dispensa facendo web marketing. Ho una predilezione per i contenuti, quindi blogging e content marketing rappresentano il mio habitat naturale, quello nel quale mi sento più a mio agio, ma mi occupo anche di social media marketing per aziende e liberi professionisti.

Come hai incominciato a fare questo lavoro ? (chi te lo ha fatto fare?)

Per caso, per passione e per esigenza. Ho da sempre una passione per l’informatica, e in particolare per il web, e una predisposizione per la scrittura, quindi ho provato spesso a fondere le due cose, sin da ragazzino, quando gestivo piccoli blog personali. Poter guadagnare scrivendo era una delle mie ambizioni da ragazzo, poi la vita mi ha portato da un’altra parte, e diciamo anche che gliel’ho lasciato fare perché non mi dispiaceva poi così tanto.

Ho iniziato facendo il community manager, poi mi sono avvicinato al web content management e alla scrittura di testi seo oriented. Quando mi sono sentito pronto ho lanciato Socialmediacoso e da allora le soddisfazioni non smettono di arrivare. Lavoro sodo, e tanto, ma fin quando mi divertirò continuerò a farlo.

Come hai imparato a fare il tuo lavoro?

Facendolo. Io non sono molto attento alla teoria, non lo sono mai stato, preferisco sporcarmi le mani e studiare per capire quello che sto facendo mentre lo sto facendo. Leggo diversi blog di settore, soprattutto esteri, e cerco di tenermi aggiornato. Appena c’è una novità, vado a provarla perché devo capire, ho questo difetto che se una cosa non la capisco prima non ne parlo.

Ecco perché non scrivo mai sul mio blog delle ultime novità appena lanciate da Facebook o simili, perché non mi basta il comunicato stampa o l’articolo del blog, devo proprio mettermi lì per capire se quella nuova funzione mi serve oppure no, e perché.

Il bello di fare digital marketing è che non esistono certezze, solo dubbi. Le piattaforme e gli strumenti che abbiamo a disposizione cambiano continuamente, e se vuoi fare questo mestiere sei obbligato ad aggiornarti costantemente e a stare sul pezzo, perché se ti distrai un attimo resti nell’angolo, da solo, al buio.

Quali software utilizzi maggiormente e perché?

Utilizzo moltissimi web tool, ma quelli dei quali non potrei fare a meno adesso sono Google Drive e Telegram. Sono ottimi compagni di viaggio, perché mi consentono di gestire il lavoro con il cliente senza dover impazzire dietro le centinaia di email che arrivano ogni giorno.

Creo una cartella per ogni cliente e la condivido con il gruppo di lavoro, e tutto quello che bisogna produrre o scambiarsi va messo lì.

Con Telegram, poi, creo delle chat di gruppo divise per progetto e, sfruttando menzioni e hashtag, gestisco le comunicazioni in modo molto più efficace e pulito. Mi piace avere tutto a portata di mano, e di averlo accessibile ovunque io mi trovi, quindi il cloud e l’IM per me rappresentano degli essential tools.

Chi o quali sono i tuoi punti di riferimento nel lavoro?

Ce ne sono molti, e con alcuni ho la fortuna di lavorare ogni giorno, come Matteo Pogliani, Francesca Sollo, Federico Simonetti, Ludovica De Luca, con altri ho lavorato in passato come Ivano De Biasi di SeoCube. Ci sono molti colleghi che stimo, e fare l’elenco sarebbe troppo lungo, ma molti di loro li ho intervistati sul mio blog, quindi puoi andare a controllare lì ;-). Credo che il digitale italiano sia pieno di persone realmente competenti e di tanti millantatori, dopo un po’ si riesce a scindere gli uni dagli altri e tutto diventa più chiaro.

Le tre cose di cui non puoi proprio fare a meno per fare bene?

Il caffè, il mio Mac e l’iPhone.

Cosa suggeriresti ad un baldo giovane newbie dalle belle speranze?

Di stare in silenzio per un po’. Vedo tanti giovani che dopo aver fatto un workshop di 8 ore su Facebook Marketing cambiano la headline su LinkedIn mettendo Social Media Manager. Meglio evitare queste scorciatoie, preferisco quelli che lavorano come muli in silenzio, cercando di imparare quanto più possibile prima di esporsi pubblicamente. Il mio consiglio al giovane sbarbatello, quindi, è di non avere fretta, e di non proporsi per competenze che non possiede.

Se tu fossi Google cosa andresti a cercare?

Credo che cercherei Bing :-D.

Esprimi tre desideri prima di salutarci.

La pace nel mondo

Il ritorno di Boris

Il server che non mi salta ogni volta che pubblico un post sul blog.



I big dell scena internzionale

I Big della scena internazionale

Formazione ai massimi livelli

Formazione ai massimi livelli

Networking

Networking

Tutte le news dell'edizione 2018

Scopri prima degli altri tutte le novità + un bel regalo (subito)

   

© WMT2023 . Tutti i diritti riservati. P.iva 0399380927